Convegno/Simposio: “Muros de la patria mía” architettura e letteratura nel Secolo d’Oro

Durante il Secolo d’Oro si moltiplicano i discorsi che mettono a confronto la poesia con altre discipline artistiche, soprattutto la pittura (Sánchez Jiménez, El pincel y el Fénix: pintura y literatura en Lope de Vega Carpio, 2011; Sáez, El ingenio del arte: Painting in Quevedo’s poetry, 2015; de Armas, Cervantes’ Architectures: The Dangers Outside, 2022), ma anche scultura (Rubio Árquez e Sáez, La estirpe de Pigmalión: poesía y escultura en el Siglo de Oro, 2017), arazzi e persino arte topiaria. Inoltre, una delle metafore più importanti per riferirsi alla letteratura era quella architettonica, particolarmente frequente per descrivere la dispositio dei testi. Questo convegno esplora le immagini architettoniche che autori aurei come Cervantes, Góngora, Lope de Vega, Quevedo e altri hanno utilizzato per affrontare temi di interesse letterario e per riflettere sulla costruzione delle loro opere. Allo stesso modo, il congresso darà spazio a interessi interartistici che uniscono letteratura e architettura dai campi dell’emblematica, della retorica e della storia dell’arte.

Università Ca’ Foscari Venezia

Università di Verona

  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Data

Giu 25 - 27 2024

Ora

Tutto il giorno

Regione

Veneto

Luogo

Veneto
QR Code